mercoledì 31 luglio 2013

MIRTILLO NERO: una scoperta

Mia mamma mi ha sempre detto di mangiare il mirtillo, perchè fa bene alle vene.
Ovviamente non le ho mai dato retta.
Qualche giorno fa ero a fare spesa al Conad, quando mi è caduto l'occhio su una confezione di bottigline di succhi di frutta con su scritto Mirtillo Nero. Da qualche parte nella mia memoria riaffiorò la voce di mia mamma che parlava di quanto fa bene questo frutto, così l'ho comprate, sperando che mi piacesse il sapore.
Arrivata a casa la curiosità mi fece assaggiare questo succo di mirtillo nero, cavoli era buono anche se caldo dei 30 gradi che c'erano fuori. Messo in frigo (nella parte meno fredda, perché le bevande freddissime non mi piacciono e mi fanno venire mal di testa) l'ho assaggiato ed è ancora più buono.
Così oggi ho deciso finalmente di andare alla ricerca delle proprietà, ovviamente si riferiscono al frutto e non al succo di frutta, ma credo che comunque qualcosa di buono anche la bevanda ce l'abbia.

Comunque ecco cosa ho trovato:
"In questo piccolissimo frutto, infatti, sono contenuti principi importanti come zuccheri e diversi tipi di acidi tra cui l’acido citrico, che un’azione protettiva sulle cellule

mercoledì 24 luglio 2013

PROBLEMI CONDOMINIALE secondo round

Era il 6 luglio quando scrivevo questo post qui relativo ad una lite con i condomini del piano rialzato.

Alla riunione condominiale era stato deciso di cambiare ditta delle pulizie scale, perchè quella che c'è adesso non piace a nessuno. Così mi detti una mossa per trovare un'altra ditta e chiedere preventivi. Bussai alla porta di quella del piano rialzato, che era quella che con me si lamentava di più di come non pulivano, per chiederle cosa far mettere nel preventivo e dopo un "Che vuoi" brusco mentre ancora apriva la porta di casa, mi rispose con un tono maligno dicendo "quello che ti pare" mentre mi sbatteva la porta in faccia.

Ok, chiesi un preventivo, l'ho riferito a quella del secondo piano, lei ha detto che le va bene e siamo rimaste d'accordo di comunicare io alla mia dirimpettaia e lei a quella del piano rialzato la cifra richiesta e decidere se chiederne altri o meno.

Quella del secondo piano,C., ieri mi ha incontrata per le scale e mi ha fermata:

C: certo me lo potevi dire che t'eri presa con quelli di sotto

lunedì 22 luglio 2013

MEMORIE dal cellulare 2

Prosegue la trascrizione di quello che nel tempo, negli anni ho scritto nelle note del cellulare.
Per adesso siamo sempre nel settore lavorativo, ma ho trovato anche cose che esulano da quel settore e che sono più interessanti o piacevoli o drammatiche... beh, arriveremo anche a quelle.
Intanto:

ven 13mar2009 ore10.13
un dito in culo è niente a confronto di quella là. mi spettano i 10 minuti d'aria (anche i carcerati hanno più tempo)e mi sfogo scrivendo quanto la odio e quanto è insopportabile, così fino all'ora di uscita magari riesco a trattenermi dal mandarla al diavolo, anche se la cosa la vedo dura. spero di trovare al più presto un qualsiasi altro lavoro perché qui mi sono rotta le palle dell'ignoranza [leggi come maleducazione], della maleducazione, della cattiveria, del voler sempre far passare i dipendenti da cretini

COSA SOGNANO I BAMBINI?

Non so i vostri, ma il mio piccoletto alle volte sogna, non so cosa perché ancora non si sa esprimere con concetti complessi, siamo ancora alle frasi di 2/3 parole alle volte anche di più, ma quelle comprensibili rimangono sempre due o tre!

Una cosa però la so di certo:

sabato 20 luglio 2013

CREME SANE E NATURALI

Premetto che questo post non è un'informazione farmaceutica, tanto meno pubblicitaria.
Queste creme (per ora solo le solari) le uso per Gabri, mi piacciono, mi ci trovo bene, e poi le ho scelte perché non ci sono tutte quelle cose che un'amica chimico industriale che lavora in una azienda farmaceutica mi ha detto che non devono esserci, soprattutto per i bimbi ma anche per i grandi, perché non fanno bene.

Ok, dopo questa premessa eccomi qua a raccontare una storia:

lo scorso anno venne al mare come ogni anno la mia amica Elle dalla Svizzera.
Lei si è trasferita là per motivi di lavoro, poi sono diventati anche motivi familiari in quanto si è innamorata di un collega svizzero e se l'è sposato, adesso hanno una bambina che ride e sorride sempre.
Il suo lavoro, come accennato nella premessa, è di chimico industriale e lavora in laboratorio in una azienda farmaceutica svizzera. Ciò fa si che i prodotti usati nella composizione di farmaci e cosmetici, quelle liste scritte piccole piccole, illeggibili e incomprensibili, per lei siano pane di tutti i giorni.
Eravamo in spiaggia e le venne naturale guardare quale crema usavo per il piccoletto,

giovedì 18 luglio 2013

POI MI DICONO CHE

faccio male ad incazzarmi, che dovrei essere riconoscente di avere chi mi tiene il bimbo quando ho bisogno, che sono fortunata altroché... certo,
peccato che di alcune persone non posso fidarmi.

Consegnato stamani alle 10 circa Gabri ad uno dei nonni, a pranzo siamo andati tutti là.
"La minestra l'ha già mangiata perché te non arrivavi" (effettivamente sono arrivata sul tardi, all'una passata, ma lui mangia sempre a quell'ora)
Il secondo (pesce e fagiolini lessati) un po' l'ha mangiato, poi non lo voleva più. Prima che rovinasse tutto gli ho tolto il piatto.
"Gabri la vuoi la frutta?"
"Nnnnò"
"Còme no...nonna l'ha preparata tutta per te" (con tono piagnucolante) (mi verrebbe da dire se non gli va inutile insistere

MEMORIE dal cellulare

Sto cercando un telefono nuovo, il mio è oramai vecchio, stanco e distrutto, inizia a fare i capricci non facendomi sentire gli altri o non facendo sentire agli altri quello che dico... beh, gli anni sono tanti.
Così mi sono messa a guardare cosa c'è dentro alla sua memoria, ritrovando scritti nelle note che non ricordavo, questi sono quelli relativi al posto di lavoro, che chi ha letto i primi post di questo mio diario sa che non era il posto migliore del mondo... ecco qua quello che allora scrivevo nelle pause lavoro:
(...e poi dicono che il lavoro nobilita l'uomo...)

ven 14nov2008 ore11.15
più passa il tempo e più ho voglia di andarmene da questo posto di merda.ogni giorno ci sono novità per farci lavorare peggio anziché migliorare e snellire le pratiche. ogni giorno trovano il modo di farci fare tardi ed avere così i 5, 10, 15 minuti di lavoro in più gratuito, perché, dicono loro, quelli non si guardano. dico io che se invece di lavorare 10 min in più arrivo dieci minuti dopo, loro s'incazzano. e allora? si usano due pesi e due misure. è normale che poi la gente si rompa le palle. o mi sbaglio io? o si sbagliano le mie colleghe? forse è vero. essendo delle semplici, umili, inutili operai, sicuramente sbagliamo noi. in fondo come ribadiscono loro, noi non si capisce niente.

senza data
meno male che fuori di qui ho una vita mia, piena, che mi fa ridere, sorridere, avere soddisfazioni, rendermi conto che si puà stare bene. meno male perché ogni giorno qua dentro c'è una novità, c'è qualcosa che non va, c'è qualcosa che qualcuno sbaglia ma secondo chi sbaglia la colpa non è sua ma

mercoledì 17 luglio 2013

MA GUARDA COME SONO STATA FORTUNATA OGGI

PREMESSA:
Ho sempre ritenuto il rispetto per se stessi e per gli altri importante, è per questo che voglio che Gabri impari a rispettare tutto e tutti, dalle piante del prato ai giochi al parco, dai bambini che gli sono intorno agli animali grandi e piccini, sperando che da grande sia una persona civile, educata, eccetera eccetera eccetera.

SVOLGIMENTO:
Oggi, come quasi sempre quando sono col bimbo, sono uscita a piedi.
Mi arrabbio spesso con gli automobilisti incivili

Incontro tra passato e presente, in attesa del futuro



ovviamente i dischi sono i miei vecchi 45 giri dello zecchino d'oro, della favola di Pollicino (la versione '70 dei moderni audiolibri!) e di Sbirulino, Heidi eccetera.

martedì 16 luglio 2013

VOI COME LO FATE?

Con questo do inizio ad una nuova serie di post, dedicati alla cucina.
Non ho assolutamente intenzione di fare "scuola di cucina", anzi.
Mia intenzione è condividere il mio modo di cucinare ed scoprire come le stesse cose possano essere cucinate  con modalità o ingredienti diversi, per provare nuovi gusti e nuovi sapori nei piatti di sempre, oppure scoprire vere e proprie ricette nuove e saporite!

Vi prego quindi di scrivere nei commenti le vostre ricette.

Questa idea mi è venuta dopo che per tre giorni ho mangiato tre volte pasta a freddo, fatta da tre mani diverse e quindi in tre modi diversi.

Una era di mia mamma che lei la fa veramente solo con quello che ha, e questa volta l'ha fatta con zucchine lesse, pisellini e capperi, un po' sciapa (in italiano insipida) e con poco olio (tutt'altro che gustosa per il mio palato!); una era di mia suocera che la fa con i sottaceti, funghetti, tonno, wurstel e se ce l'ha anche il prosciutto a pezzetti e molto olio

venerdì 12 luglio 2013

PARCO GIOCHI... DA ZIO

Oggi pomeriggio siamo usciti di casa con l'intenzione di andare al parco.
Sono passata da mio fratello, che da qualche giorno non vedeva Gabri.
Non ci siamo più mossi da lì....




martedì 9 luglio 2013

BREVE STORIA DI IERI:


"mi raccomando Gabri, sei senza pannolino, se ti scappa la pipì dì a mamma «pipì» così si va a fare nel vasino, capito?" 
"tì"

"ti scappa la pipì?"
"no"
...
"Gabri ti scappa la pipì?"
"no"
...

sabato 6 luglio 2013

CHE COGLIONI IL CONDOMINIO... O MEGLIO I CONDOMINI

Ho litigato con il vicino del piano di sotto.
Ho litigato perché è un egoista e prepotente.
Sicuramente sono stata aggressiva, ma mi ha fatto troppo incazzare.

Da quando è tornata la bella stagione lui sparge insetticida per le formiche dovunque nel cortile condominiale.
All'inizio ci davo poco peso, finché non ho visto il mio piccoletto caderci vicino, passarci sopra, alla fine ha ripreso un ciuccio caduto proprio vicino a quella polverina del cavolo e se l'è rinfilato in bocca prima che lo prendessi io... eh no, così non va bene.
Da allora non lo faccio più giocare nel cortile, ogni volta spiegandogli (e faglielo capire ad un bimbo di 22 mesi) che è pericoloso perché c'è il veleno delle formiche e può fargli male.
Ovviamente ogni volta che lo dico lo faccio stando attenda di essere davanti alla finestra di quello del piano terra, rafforzando con un "qui fuori non ci si può più stare", ed ovviamente lui ogni volta piange.
(NB: loro hanno una nipote di 2 anni, ma è una bambola di pezza che dove la metti sta, quindi il problema non se lo pongono... Gabri è un podista e macina chilometri al giorno correndo avanti e indietro)

Alla riunione di condominio è stato chiesto se, per favore, si può evitare di buttare tutto quel veleno, spiegandone ovviamente le motivazioni (e la paura correlata).
La risposta è stata che non vogliono le formiche in casa e se le vedono lo spargono dove vogliono.

Ieri pomeriggio Gabri era dai nonni, io avevo da montare la mostra fotografica, quando sono uscita a caricare le foto in macchina ho lavato il cortile togliendo tutto il veleno, così al rientro col bimbo avrei potuto lasciarlo scorrazzare fuori.

Al mio rientro c'era lui in cortile con quel barattolino di merda, che spargeva veleno dovunque.