martedì 26 novembre 2013

100.000

UN GRANDE RINGRAZIAMENTO

a tutti gli amici 

che hanno visitato


il mio blog permettendo di raggiongere

il grande traguardo delle 

100.000 visualizzazioni



grazie grazie grazie 
di cuore ♥♥♥

giovedì 21 novembre 2013

QUANDO UN AMORE FINISCE

Questo post non mi riguarda personalmente, nel senso che non parlo della mia famiglia, ma di un'amica cara.
Sette anni fa conobbe un ragazzo.
Si innamorarono.
Da allora sono andati a convivere.
Hanno fatto tanti viaggi insieme.
Si sono sposati, un matrimonio bellissimo con tanto di fuochi d'artificio.
Hanno cercato un figlio.
Non è venuto.

lunedì 18 novembre 2013

COSA T'INVENTI IN UNA GIORNATA UGGIOSA?

Alle tre sono andata a prendere Gabri al nido, tra una chiacchiera ed un'altra siamo usciti da lì che erano le tre e un quarto.
Un salto a salutare il babbo, e poi a casa, che c'è venticellino fresco e lui sta guarendo ora da tosse e raffreddore, è umido e nuvoloso e dopo un po' ha pure cominciato a piovere...

Che si fa oggi?

La maestra mi ha fatto vedere i lavori che hanno fatto stamani a scuola, colorando una formica col caffè... Idea!
Oggi si colora, ma non con tempere e pennarelli.

Ho disegnato alla meglio (visto che non sono un campione in questo) un pulcino e gli ho dato la farina di mais, ho cosparso di colla l'interno e lui appena ha visto l'apparecchiatura ha cominciato a cospargere di farina il pulcino...

Finito il pulcino abbiamo "colorato" un riccio con il pangrattato.
Poi

sabato 2 novembre 2013

Appena successo in casa mia:


sento Gabri che piange, vado in camera sua, è nel letto che piange e si contorce.
Ieri ha fatto uguale, l'ho preso in braccio, ha fatto due o tre scureggine e s'è riaddormentato.
Lo prendo in braccio e mi siedo sul divano.
Lui scivola piano piano via da me, con passo tipo robottino va in cameretta, si appoggia al lettino, lo rimetto dentro, si raggomitola e si riaddormenta...

Mah...valli a capire questi bimbi!

venerdì 1 novembre 2013

VOI COME LO FATE? # 5

Mentre sul web imperversa la diatriba tra festeggianti Halloween e non festeggianti Halloween, eccomi qui a scrivere un nuovo post culinario, ed al contrario di quello che fanno tutti in questi giorni, la mia ricetta non è a base di zucca!

Qualche giorno fa ho fatto il brodo di carne perché il mio patato ha preso un raffreddore stratosferico e volevo fargli mangiare un po' di pastina in brodo, che fa tanto bene (cit. mia mamma!).

L'unico problema tecnico di questo piatto squisito per cuocere pasta e tortellini, è dato dalla carne e le verdure che rimangono a cottura finita: non mi piace da mangiare.
Buttarli via mi scoccia, perché prendo sempre carne buona dal macellaio e spendo un sacco di soldi e poi la roba da mangiare non si butta.
Il gatto non ce l'ho, quindi non posso rifilarli a lui.
Il mio escamotage solitamente è dato dalle polpette o dal polpettone.
Questa volta li ho fatti entrambi.

Intanto ho fatto le polpette con la carne da brodo lessata triturata finemente, ho aggiunto una manciata di macinato fresco, che mi avanzava in frigo, ho tritato anche le verdure del brodo, aggiunto un uovo, pecorino grattugiato (solitamente metto il parmigiano, ma questo formaggio si era indurito e così l'ho tolto di mezzo in
questo modo!) ed un filo di latte perché l'impasto era venuto un po' troppo asciutto.

Ho quindi fatto le classiche palline di impasto, rivestendole con il pangrattato, ed ho avuto l'idea di farne di due misure: una più grande per me ed una più piccola per Gabri, più o meno delle ciliege.
Ho fatto invece l'errore di metterle tutte nella stessa teglia, perciò mi sono venute alcune più asciutte ed altre giuste, altre ancora troppo morbide.
Vabbé, la prossima volta due teglie separate!
Con l'impasto che avanzava dopo aver riempito la teglia, ho fatto due piccoli polpettoncini.

Infine ho cotto tutto