sabato 28 dicembre 2013

NATALE CON I TUOI



Il giorno di Natale lo abbiamo trascorso con tutta, ma proprio tutta la famiglia.
Poiché ogni anno, soprattutto da quando è nato il mio patato, dobbiamo ricordare l'anno prima con chi eravamo, in quale casa, eccetera, quest'anno che la mia vecchia nonnina (che bloccava i miei irrimediabilmente a casa) purtroppo non c'è più, i miei genitori sono stati liberi di muoversi.

Ecco che arriva un altro problema: lo spazio.
Non so nelle vostre case come ci state, ma in casa mia 13 persone al tavolino non c'entrano nemmeno se le fai infeltrire in lavatrice; dai miei suoceri, nonostante la casa grande, le stanze sono distribuite in modo "antico" e quindi il corridoio enorme porta via un sacco di spazio, il soggiorno è con un arco nel mezzo e quindi là dove c'è il tavolo per il pranzo lo spazio è poco; dai miei le cose sono un po' più comode, ma non è che ci si largheggi.

E allora?


Ecco la soluzione: RISTORANTE per tutti!

I miei suoceri sono andati alla ricerca di un ristorante per il pranzo, partendo da quello dove andammo a mangiare una volta in primavera, ristorante di un hotel, con molti tavoli e troppa confusione, per un pasto normale.
Ovviamente non spendere troppo rientrava nell'immaginario di tutti, così abbiamo battuto tutti i ristoranti del luogo, ma quelli con la coppia prezzi e menù interessanti erano già pieni, rimanevano quelli così e così con prezzi ok, o quelli ok con prezzi da urlo.

Poi un giorno sono andata a sentire in un ristorante di nuova gestione.
Il proprietario mi ha detto che non era organizzato per il pranzo di Natale in quanto non aveva avuto richieste, ma se gli confermavamo la prenotazione mi faceva scegliere il menù (così che se qualcun altro avesse prenotato lì si sarebbe dovuto accontentare di quello che sceglievo io!).
Prezzo 25 euro per gli adulti, niente per il patatone.
Il tutto in un locale che ha scelto di togliere due tavoli e fare un'area attrezzata per bambini con tappeto morbido e giochi.

Preso.

Io ho mangiato bene, gli altri più meno tutti soddisfatti, a parte qualcuno che ama solamente la cucina di casa sua, ma su 13 essere tutti contenti e soddisfatti era pressoché impossibile.

Gabri ha giocato quanto ha voluto, mangiucchiato e dopo tanti giochi e salti e giochi si è addormentato in braccio in otto secondi netti.

Secondo me è stato un bellissimo pranzo, con nessuno che si affaccendava, e tutti al tavolino insieme.

Dopo pranzo, visto il tempaccio con pioggia battente e forte vento, i "vecchi" sono andati ognuno a casa sua ed i giovani (mio cognato e nipoti, mio fratello e fidanzata) si sono riuniti tutti a casa nostra per dare a Gabri i loro regali di Natale... inutile dire che vedere nuovi pacchi da scartare è stato eccitante, ed è stato felicissimo!

Ecco, questo è lo spirito del Natale secondo me: tutti insieme, senza stress, e con un bimbo in famiglia la gioia è assicurata!

4 commenti:

  1. Pure a me piacerebbe così... ma alla suocera non va bene manco il ristorante... troppo stress prepararsi per uscire!!!! Così, da quando è nato Lollino, si fa: vigilia dai suoceri (lei non si sbatte più di tanto, il più delle volte prepariamo io e il Maritino, ma almeno non devo tirar fuori i piatti... ), Natale dai miei genitori, ultimo dell'anno da noi... Buon anno Francy, il tuo patato è bellissimo!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi ci son voluti cinque anni per arrivare a tanto...!
      ma sicuramente non è stata soddisfatta, lei che si sente cuoca perché i suoi genitori 50 anni fa avevano un ristorante dove lavorava anche lei (non in cucina, eh!)...

      Elimina
  2. Guarda per lo spazio ti dico solo che mia madre ha tolto una parete ed unito due stanze! :-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ottima scelta!
      Una donna di lunghe vedute
      :)

      Elimina