giovedì 21 luglio 2011

LA VALIGIA DELL'OSPEDALE

Come sapete per l'occasione di un matrimonio e di un intervento al ginocchio del mio Lu, abbiamo trascorso qualche giorno a Milano.
Quando ho realizzato che sarebbero stati 5 giorni caldi caldissimi, lontani da casa, ma in una città fortunatamente non dimenticata da Dio, e che io sono a 7 mesi e mezzo di gravidanza, ho pensato che forse era meglio partire da casa con la famosa valigia dell'ospedale, che non si sa mai!
Così di corsa perché era martedì e venerdì saremmo partiti, ho preso mia madre e siamo andate alla ricerca del primo primissimo corredino di Gabri.

La lista dell'ospedale recita così:
Per la mamma il Reparto consiglia:
- ciabatte doccia
-2 confezioni mutande a rete
-1 pacco pannoloni svedesi
-copriwater
-necessario per l'igiene personale
Documenti:
-tessera santieraria
-documento d'identità
-codice fiscale
Per il neonato il Nido consiglia:
-magliette di cotone 
-golfino di cotone
-calzine di cotone
-mutandina corta di spugna
-lenzuolino (sopra)
-copertina di cotone
-federine
-asciugamani
-ciuccio e portaciuccio
-1 pacco pannolini

e la mia domanda è stata: si, ma di tutto questo, quanto?

Così sono andata in un negozio dove conosco la proprietaria, e la commessa che ha partorito 6 mesi fa nello stesso ospedale è mia amica dai tempi delle elementari.
Essendo dei professionisti del ramo bimbi, avevano anche loro la lista e soprattutto le quantità:
Magliette di cotone e mutandina se non porti il body_ 3
Golfino di cotone_ 2 (ma mi ha suggerito uno, che basta)
Calzine di cotone_ 3 paia
Lenzuolino sopra_ 1 (un'altro completo per la navicella di trasporto a casa)
Copertina di cotone_ 1 (idem)
Asciugamani o accappatoio a triangolo_ 1
Cappellino (perché a volte nei reparti in estate non è caldissimo a causa dell'aria condizionata)

Tutto deve essere rigorosamente in cotone 100%, ma non era necessario che mi venisse suggerito da loro, poiché il sintetico non mi piace per me che sono grande, figuriamoci se voglio usarlo per vestire il mio pupetto microscopico appena arrivato!
Inutile che mi metta a cercare i pannolini di spugna lavabili per non farlo stare a contatto con prodotti di origine industriale e chimica se poi lo vesto con acrilico, polyestere e così via.
Di tutto quello che c'è nella lista, devo dire che l'unica cosa che non porterò sarà il ciuccio. Le ostetriche al corso, nei libri che ho letto, i giornali che mi sono passati sottomano, sconsigliano l'uso del ciuccio almeno nelle prime 4 settimane di vita del bimbo, perché deve imparare a succhiare dal seno della mamma e il modo in cui il bimbo tiene in bocca il ciuccio è diverso da quello del seno, cosa che potrebbe poi creare difficoltà nell'allattamento al seno.
Spero di riuscire ad allattare, ma se ci saranno difficoltà e lo confondo con il ciuccio allora è finita!
O sbaglio?!??!

Sono così tanti i dubbi che mi stanno piano piano venendo, adesso che il conto alla rovescia è iniziato, ed il giorno del parto è sempre più vicino.

Comunque la valigia dell'ospedale è pronta, almeno questo pensiero me lo sono tolto.
Ed è pronto pure il fiocco che ho ricamato per il mio piccoletto, ma quello ve lo farò vedere solo quando sarà nato! :)



10 commenti:

  1. Qui da me il ricovero dura 3-4 giorni con parto normale e 5 con taglio, non so come funziona nell'ospedale dove partorirai,ma penso che i tempi siano più o meno simili e quindi validi anche per il conteggio della roba!!!
    Per te ricorda anche i reggiseni per allattare che sono fantastici e supersexi soprattutto se abbinati alle mutande a rete!!!!
    Per il ciuccio nn so cosa consigliarti,
    io all'inizio nn volevo usarlo nemmeno io, ma quando a solo 8 giorni il mio piccolo ha iniziato con le coliche il ciuccio era l'unica cosa che gli dava conforto...

    Dalla mia esperienza di già mamma ti posso dire di ricordare quello che senti dire e che leggi, ma alla fine segui il tuo istinto, perchè sarai tu a conoscere davvero il tuo bambino e ti renderai conto che la catalogazione che fanno libri e giornali è eccessiva, e i bambini che ci rientrano sono davvero pochi!!!!
    Tutti i tuoi dubbi sono normalissimi, non spaventarti!!!

    RispondiElimina
  2. da me il ricovero dura 3 giorni con parto naturale e 4 con cesareo. io hp fatto cesareo e dopo tre giorni mi hanno fatta uscire perchè servivano i letti mah!!!!!!!!
    anchio ho portato un bel pò di cosine per il pupo.. avevo preparato la valigia un mese prima.. mamma che bei ricordi, mi fate venire una nostalgia...
    la sera che siamo andati in ospedale ho riguardato tre volte se cera tutto per il piccolo!!
    è stato bellissimo..
    io anche il ciuccio glielo diedi dopo un pò e al terzo mese non lha nemmeno più voluto e ho avuto la fortuna di allattare 10 mesi...

    RispondiElimina
  3. @ mammazeroventi: mi dicono che da noi sono 3 gg per un parto naturale e 4 per un cesareo (tante volte ti abituassi alle comodità dell'ospedale!). Grazie per la dritta dei reggiseni, non ci avevo pensato..e poi come rinunciare alla biancheria intima sexy?!??! ^_^

    Spero che il mio istinto sia buono come quello delle mie amiche, vicine e virtuali, ma i dubbi salgono ogni momento!

    RispondiElimina
  4. @ vany: sempre la solita fortunata, dai...soggiorno breve e poi un calcio nel sedere ed a casa! e poi dicono che la sanità in Italia funziona meglio di tanti altri posti... vorrei vedere quella di dove funziona male :)

    RispondiElimina
  5. Che ansia la valigia dell'ospedale!!! Ricordo che io ci avrò messo due mesi a finirla con tutto il "necessaire", e alla fine ho rinunciato a prendere tutto quello che diceva la lista. Queste liste sono sempre assurde.
    nella mia c'era scritto di portare per i bimbi biancheria lana/cotone (anche a luglio???!!!) e poi ricordo questa cosa sconvolgente: le mutande usa e getta per la mamma. chi le abbia inventate non so. So solo che roba più inutile io non ne ho mai vista in vita mia. non le ho messe in valigia: costavano 5 euro due paia, e io ho optato per 3 o 4 paia delle mie peggiori, così se anche ne fossero uscite devastate non avrei nemmeno avuto bisogno di lavarle: avrebbero visto direttamente il cestino della spazzatura. e così fu. pannoloni svedesi non so nemmeno cosa siano, ma io mi son portata due pacchi di assorbenti maxi e ne mettevo due per volta. Sono bastati. Tempo 24 are e mi sbattono fuori. In realtà ero già stata declassata dopo 12 ore alla corsia di ginecologia, perchè non c'era più posto!

    RispondiElimina
  6. speriamo di non essere trattata così...essere sbattuta in corsia non dev'essere piacevole, soprattutto nel momento in cui ti ritrovi un pargoletto tra le mani, e non sai da dove cominciare!
    Per le cose richieste...i pannoloni svedesi me li da un'amica che ha partorito da poco e le sono avanzati in quantità industriale, le mutande a rete dice siano comode perché non stringono, soprattutto se finisce che ti fanno il cesareo, e poi ho trovato confezioni da 4 mutande a 2 euro, ci si può stare! Il metodo mutande vecchie lo sto usando adesso, ne avevo alcune che volevo buttare perché oramai con gli elastici andati, ma con la buzza sono più che comode, e finiranno nel secchio dopo il parto!
    Per la roba del bimbo nella mia lista c'erano sia cotone che lana, ma specificato uno per l'estate e l'altro per l'inverno, forse non si sono ricordati di spiegare bene e così è diventata una lista assurda! :)

    Comunque ogni giorno mi viene in mente di mettere qualcosa o di togliere qualcos'altro... oddio che angoscia!

    RispondiElimina
  7. se vuoi allattare ciuccio assolutamente no!!! Ma com'è che lo mettono nell'elenco dell'ospedale? Non so, valuta bene: i primi giorni per l'allattamento sono importantissimi e sarebbe altrettanto importante trovarsi in un contesto che lo sostenga un minimo (anche perché tu sei lì, che hai appena partorito, non capisci un tubo dall'emozione, dagli ormoni, dalla novità...). Te lo dico perché io sono andata in ospedale qui perché era vicino e poi mi sono pentita (e già comunque qui non si sarebbero mai sognati di scrivere il ciuccio nel corredo bimbo!)
    Le mutande in rete sono tanto orrende quanto utili e comode (poi diciamocelo: in quei momenti non è che mi fregasse un granché che mutande avessi!), io a casa ho poi usato gli assorbenti lavabili in micropile che sono super morbidi e non appiccicano come gli usa e getta: li stra-consiglio!
    Per il pupetto conta un cambio al giorno, io però ti consiglierei di stare sul lungo, anche se di cotone: i neonati hanno freddo perché faticano a termoregolarsi.. il tarta è nato il 22 agosto e in ospedale stava con body di cotone + tutina di cotone e calzini.
    Una cosa che in ospedale non avevo e che tornando indietro porterei sicuramente è la fascia lunga (allora non avevo dimestichezza e non me la sono sentita, ma sarebbe stata veramente utile, soprattutto la notte che sei da sola).
    Tra la'ltro: per avviare un buon allattamento è importntissimo che mamma e bimbo stiano sempre assieme dopo il parto, soprattutto nei primi giorni, informati sul rooming-in :)

    RispondiElimina
  8. Grazie Sibia, i tuoi consigli sono veramente utili!
    Per quanto riguarda il ciuccio non ho intenzione di portarlo, o perlomeno di tenerlo ben nascosto. I bimbi nell'ospedale dove vado io stanno in camera fino all'ora del passo, quando vengono radunati tutti nella nursery per motivi di rischio contagio. E credo che proprio in questi momenti le infermiere vogliano il ciucci, così se i pupetti piangono loro li zittano!

    Per fascia lunga cosa intendi, quella che si usa al posto del marsupio per portare il bimbo in giro? Perchè sarebbe stata utile? ti prego, se hai altri consigli sappi che sono ben accetti, anzi, accettatissimiiii!!!!

    Ksss :*

    RispondiElimina
  9. l'ore del passo sarebbe l'orario visite? comunque vedi tu: ricordati che è tuo figlio e tua la responsabilità del suo benessere (e quindi anche del tuo!) per cui le regole dell'ospedale vengono in secondo piano, sempre! (scusa se ti dico questa cosa, ma il personale ospedaliero spesso agisce come se si fosse "cosa" loro) Per esempio potresti chiedere che ti chiamino nel caso in cui abbia bisogno di te (in modo da attaccarlo lì) oppure dici loro che non sei d'accordo e punto (per l'allattamento è molto importante che non si separi mai la coppia madre/bambino, pensa che qui me lo portavano via tre ore tutte le mattine, solo che io non ero sufficientemente preparata.. tornassi indietro col cavolo!!!)
    Sì, la fascia lunga è quella ed è meravigliosa: con il contatto prolungato in fascia è meno traumatico il passaggio fuori dal pancione per il bimbo, oltretutto lo aiuta a rilassarsi e a stare più sereno. A me sarebbe poi stata molto utile perché ho avuto un travaglio lunghissimo e dopo ero stremata e faticavo a stare in piedi, il tarta dopo la prima notte si attaccava quasi solo quando stavo in piedi e comunque mi capitava la sera e la notte di portarlo in giro in braccio, ma non ero moto stabile: la fascia avrebbe reso tutto più facile, incredibilmente. Per un neonato puoi anche usare la fascia elastica, che è più morbida ed è più semplice da mettere, ma dopo è meglio la classica ^_^
    ..tra l'altro: marsupio sconsigliatissimo ;)

    RispondiElimina
  10. si, sarebbe l'orario delle visite! da noi si dice così :)

    Ti ringrazio ancora per i consigli utili, chi meglio di qualcuno che come te c'è passato può dare consigli?!??!

    RispondiElimina