sabato 8 dicembre 2012

UFF

Giornate lunghe e noiose, buie e fredde.
La mia giornata tipo in inverno è pesante e lunga, con Gabri la mattina usciamo, giochiamo, facciamo spesa e incontriamo amici/che.
Di solito lui si addormenta all'ora di pranzo oppure subito dopo, e fino alle due e mezzo nel primo caso oppure 4 e mezzo cinque dorme, poi c'è da inventarsi un pomeriggio in casa. 
Volevo ricominciare a portarlo in piscina, ma tra raffreddore, febbre e tosse ogni volta mi sono trovata a dover rimandare, oramai siamo quasi a Natale, quindi aspetterò gennaio, nella speranza di riuscire a portarlo così che sia io che lui ci togliamo da queste quattro mura.
Intanto aspetto ogni settimana il giovedì, giorno in cui il pomeriggio la Asl mette a disposizione
gratuitamente, una stanza perché le mamme con i bimbi si possano incontrare, ma ogni giovedì succede qualcosa (solitamente dorme) e l'orario a disposizione passa.
Alle volte sono felice di avere l'impegno col fotoclub che mi porta un po' fuori casa, mi fa staccare dalla routine, anche se ultimamente non scatto più fotografie se non fotoricordo a Gabri e la reflex non la prendo in mano più da tempo.
Non vedo l'ora che arrivino Marzo e le sue giornate tiepide, dove i primi raggi del sole primaverile si affacciano timidamente, e tra una pioggia e l'altra ci permettono di scaldarci le ossa rotte da ore passate in casa.
Ci sono dei pomeriggi che non so più cosa inventarmi. Gabri è ancora piccolo, 15 mesi sono pochi per fare tanti giochi. Ho provato ad interagire con lui artisticamente, ma i pennarelli li mette in bocca (solitamente dalla parte della punta, ovvio!) o li usa per farli rotolare sul pavimento. 
Un po' "leggiamo" i librini suoi, un po' giochiamo con tutti i giochi che ha, ma alla lunga anche lui si stanca. Alle volte passiamo il pomeriggio sul lettone, dove lui si diverte a mettersi in piedi e cadere picchiando culate pannolinose sul materasso.
Voi come riuscite a trascorrere i pomeriggio invernali?

Nessun commento:

Posta un commento