venerdì 17 giugno 2011

CONTROLLO DIABETE CON PIT STOP

Una volta me ne capitava una dietro all'altra (un esempio? tipo 23/12 mi aprono la macchina per rubare la borsa; il 25/12 Radio Deejay mi sceglie come Grinch -si scrive così?- di Natale; vado tranquillamente a fotografare un concerto ed un simpatico cinghiale decide di attraversarmi la strada distruggendo il muso della macchina solo 20 giorni dopo che l'avevo ritirata dal carrozziere, causa un tipo mezzo ubriaco in motorino che mi era venuto addosso; vado a fare la spesa al supermercato ed un tipo con la divisa da bagnino prova a rimorchiarmi -non che sia una gran figa-; mi tingo i capelli e la tinta mi fa allergia...basta? Il tutto in pochi mesi, ovvio!).
Era un po' che non mi capitavano cose "strane", che raramente capitano alla gente normale.
Ma stamani...
Prendo la mia adorata macchinina, vado dal carrozziere a pagare il conto della riparazione che mi ha fatto un paio di settimane fa (perché non ho visto un muretto alto 30 cm sulla destra della macchina e l'ho preso in pieno), poi mi avvio verso la superstrada e via direzione ospedale per il consueto controllo diabetologico.
Arrivo ad una quindicina di km dall'uscita per l'ospedale e vedo la lancetta della temperatura dell'acqua del radiatore che improvvisamente scende a zero (???!???) e poi risale vertiginosamente alla soglia di emergenza rossa, contemporaneamente inizia a suonare il cicalino di allarme e a lampeggiare la scritta rossa STOP. ...panico...

due secondi dopo vedo il cartello che segnala il prossimo distributore a 5 km...ok, piano piano s'arriva là, poi si chiede al benzinaio di darci una mano, stai tranqui Fra'.
Mentre mi dicevo questo di nuovo BIP BIP BIIIIP... ecchecaz... ora che c'è?
Ovvio, la benzina decide di andare in riserva nel momento migliore del mio viaggio!
Piano piano, senza avere la più pallida idea se non fermarmi, arrivo al distributore, mi fermo, scendo, vado al bar perché non vedo il casottino solito del benzinaio, chiedo di lui e la tipa mi risponde "No signora, servizio self service con pagamento alla cassa da me" 
E grazie al cavolo, e io che ci faccio col self service se ho bisogno di qualcuno che capisca qualcosa di macchine?!?! Ok, chiamo mio padre che prima della pensione faceva l'elettrauto. Lui però non ricorda dove è il deposito dell'acqua del radiatore, prova a spiegarmi come è, ma io (dura) non è che capisca proprio bene bene!
Va bene, a mali estremi, estremi rimedi. Mi giro verso la porta del bar, escono due coppie di amici, li fermo.
in rosso il famoso "tappo" 
"Scusate, sapete dirmi quale è il tappo dell'acqua del radiatore?" poi spiego loro perché. Me la indicano e si raccomandano di non aprirlo subito, perché dentro l'acqua è a 120° (come appunto indica la lancetta sul cruscotto!) e potrei ustionarmi. Prima me lo svitano un pochino, così sfiata, un po' tipo pentola a pressione. Quando poi smette di sbruffare, aprono lentamente, e come previsto l'acqua ribolle e fuoriesce in quantità copiosa.
Mi dicono che è normale, nessuno s'è bruciato, quindi ok.
Aspetto un po' che l'acqua raffreddi per poter aggiungere quella fredda che ho preso al bagno del bar, nel frattempo guardo le macchine che vanno e vengono a mettere benzina e... Ma quello è il marito di... eh si, quelli sono proprio i miei amici che si sono sposati domenica ed oggi partono per il viaggio di nozze...e chi trovano sulla loro strada?! Me, con la macchina in panne. Mica tanto fortunati come inizio viaggio! Speriamo il resto sia con incontri meno noiosi :)

Che dire, sono stati carinissimi, si sono fermati a darmi una mano, e poi mi hanno "scortata" fino all'uscita della superstrada per l'ospedale, a metà strada tra il distributore e l'uscita mi hanno chiamata per sapere se tutto era ok, e all'uscita ci siamo salutati, loro verso la loro crociera ed io verso il mio controllo!

Avevo avvisato che non sapevo quando e se sarei andata all'appuntamento, quando sono arrivata le infermiere si sono preoccupate di sapere se tutto era ok, e poi via, in attesa del controllo.

Riepilogo:
appuntamento ore 12.20
partenza ore 11.10
fermata dal carrozziere e arrivo all'ospedale (40 km ca) ore 13.20
ritorno alla macchina ore 14.15
arrivo a casa, dopo sosta all'officina del concessionario ore 15.20

Però, per una chiacchierata di 10 minuti con la dottoressa, mica male, vero?!?!

Ah, il controllo...
devo misurare la glicemia tutte le mattine due ore dopo colazione per tenere sotto controllo i valori, perché facendoli una volta ogni due giorni non ha abbastanza valori per valutare se quei "sopra 100" sono dovuti al caso o dobbiamo provvedere anche alla glicemia mattutina con insulina... per il matrimonio che avrò settimana prossima due unità in più di insulina e comunque cotrollarmi e poi solito controllo tra 15 gg.

Mi ha detto la dottoressa che quando la glicemia sale sopra il 100, soprattutto adesso che il bimbo cresce e "inciccisce", il mio organismo attinge alla sua insulina per smaltire gli zuccheri, pertanto dobbiamo cercare di rimanere sotto a tale valore, per far si che lui lavori per se stesso e non per me!

4 commenti:

  1. guarda ogni volta che leggo un tuo post mi sembra di stare lì con te ... fortissimo! anche a me è capitato così con la macchina ... mi fermai davanti ad un bar ed un gruppo di vecchietti mi aiutò .. non li ho mai ringraziati abbastanza ... io non sapevo dove mettere le mani !!!!

    RispondiElimina
  2. io credo di aver fatto pena... immaginati la scena:
    donna incinta davanti al cofano della macchina aperta, con il cellulare all'orecchio che dice che non riesce a capire quale sia il tappo che le viene indicato...
    si, credo proprio di aver fatto pena a tutti i presenti, che magari hanno anche pensato "Ma il marito la manda da sola in queste condizioni?" e lui, porello, era in giro dalle nove della mattina con previsione di tornare a casa se va bene per le quattro del pomeriggio saltando il pranzo...

    RispondiElimina
  3. Oddio che avventura! Anch'io una volta sono andata contro un muretto, quei muretti infami alti giusto giusto come il radiatore, e infatti l'ho centrato in pieno e l'acqua colava tipo fontanella. Sono momenti di paralisi e sconforto...Pero' meno male che c'erano tante persone gentili pronte ad aiutarti!! e speriamo in bene per la glicemia :-)

    RispondiElimina
  4. Macchina riparata!
    Mi ha detto il meccanico che ha cambiato il bulbo ed il termostato (mi ha anche spiegato a cosa servono, ma credo di essermene dimenticata all'istante! @_@)!!!
    Comunque con un centinaio di "euri" me la sono cavata, avevo paura di spendere molto di più...!!!

    RispondiElimina