venerdì 11 maggio 2012

FONTANELLE

Da quando è nato Gabri tutti mi dicono di stare attenta alle fontanelle, cosa di cui da sempre ho sentito parlare, ma mai nessuno mi ha parlato chiaramente, così ho deciso di fare chiarezza su questa cosa.
Se qualcuno vuole saperne di più:


Intanto le fontanelle craniche sono da sei ad otto, ma le principali sono due, e non solamente una come credevo.
Una si trova alla sommità del cranio, ha forma romboidale di circa 5 cm; l'altra si trova dietro, ed è di circa 1 cm e mezzo, quindi più difficilmente individuabile, dicono... sinceramente quando alzavo la testa a Gabri, appoggiandogli le dita dietro la testa sentivo ogni volta questa fontanella, mentre l'altra non l'ho mai sentita.

In pratica sarebbero delle membrane
che ricoprono le ossa del cranio del bambino, che ancora non sono saldate. Grazie a queste il cranio del bambino ha una certa elasticità, che è indispensabile al momento del parto, poiché in questa occasione la testa si deforma (dando alla testa la tipica forma a pera che hanno tutti i bimbi nati naturalmente) rendendo più facile il passaggio per il canale del parto; inoltre la saldatura delle ossa avviene più o meno intorno ai 18 mesi di vita ma iniziano a saldarsi piano piano intorno al sesto mese, così è possibile alle ossa di adeguarsi alla crescita del cervello del bimbo.
Al contrario di quello che mi è sempre stato detto, la fontanella si può toccare (ovvio, non premerci sopra con cattiveria!) perché è resistente, e indica lo stato di salute del piccoletto. Se è abbassata e forma una depressione, il bimbo è disidratato, quindi ha bisogno di reintegro di liquidi; se invece è tesa e dura è necessario farla vedere presto al pediatra, perché potrebbe essere sintomo di una patologia pediatrica, come la Craniosinostosi, qui più info riguardo a questa patologia: link

Se poi la fontanella anteriore non si chiude entro il periodo suddetto, potrebbero esserci delle patologie importanti, tipo idrocefalo, rachitismo, disostosi cleidocranica.

Nessun commento:

Posta un commento